Su di me

“Anta” anni (classe 1965), una moglie, un figlio, una casa con una gatta obesa dentro, un’auto, una mamma, una sorella, tre nipoti tutte femmine, 24 ore al giorno, troppe passioni da farci stare dentro.

Ho studiato a: Università Ca’ Foscari di Venezia, laurea in Economia Aziendale con tesi in marketing. E prima all’ITC Luigi Einaudi di Montebelluna (Treviso), diploma di Ragioneria. E prima ancora alla scuola media Papa Giovanni XXIII, sempre di Montebelluna. E prima ancora alla scuola elementare Guglielmo Marconi, ancora di Montebelluna. E prima ancora non volevo andare all’asilo quindi ne ho fatto solo un anno in cui mi divertivo a fare il puzzle dell’Italia in cui sapevo riconoscere tutte le regioni. O almeno me l’hanno raccontata così.

Odio : I falsi, gli arroganti, quelli che se ne fottono degli altri, quelli che non salutano, quelli che non rispettano nulla e nessuno, quelli che hanno tutte le risposte. E, fra le altre cose, nemmeno Berlusconi e tutto quello che lo riguarda mi piace ‘sto granchè…

Amo : Quelli veri, quelli che rispettano, quelli che hanno domande, quelli che non hanno paura di farle e quelli che non hanno paura di farsele, vivere, ridere, cucinare, la musica, l’acqua, mio figlio, la Juve, le donne, mia moglie, l’estate, lo sport, il sesso, chi sa ridere, chi sa far ridere, chi sa piangere, i Miami Dolphins, il football americano, il cazzeggio, il vino, gli amici, i miei genitori, il mattino, la notte, la mia famiglia, i centri benessere, chi ti guarda negli occhi e ti dice le cose, una bella stretta di mano, il brasato di mia mamma, internet ed il mondo che ha aperto… e potremmo continuare ancora per molto…

In TV: sport – soprattutto quelli americani, ma non solo – e telefilm. Se non ci fosse Sky sarei perso.

Nel mio iPod : tante playlist, la maggior parte divise per artisti e qualcuna composta da me. E c’è di tutto, in continuo aggiornamento: da Vasco a Laura Pausini, da Liga ai Pooh (oh, guardate l’anno di nascita…), da Bruce ai Bee Gees, dagli U2 ai Negramaro, da Madonna a Enya, il blues, il jazz, la new age, Montecarlo Nights, Elio…

Cosa guido: Volvo V50

5 film da salvare (solo 5??): Marrakech Express, The Blues Brothers, Harry ti presento Sally, L’attimo fuggente, Non ci resta che piangere. Con “Ritorno al futuro” che è rimasto fuori per pochissimo. Ma davvero solo 5?

L’ultimo film visto al cinema : “Benvenuto Presidente”.

L’ultimo film visto a casa : Boh. Un porno? 😀

I miei libri : Ah, qui possiamo spaziare. Da ragazzo avrò letto “I ragazzi della Via Pal” almeno 50 volte, e mia mamma può confermare che non sto esagerando. Il genere avventuroso mi prendeva: “Viaggio al centro della terra”, “Robinson Crusoe”, “Sandokan”… e i fumetti di Tex. Beh, ho anche odiato “Michele Strogoff”, ma per motivi scolastici.
Crescendo ho ampliato gli orizzonti, scoprendo il comico ed affinando il mio umorismo con Woody Allen, Stefano Benni e Paolo Villaggio (i primi tre libri di Fantozzi sono im-per-di-bi-li). Poi ho letto davvero un po’ di tutto, fino alla scoperta dello spy-thriller: Tom Clancy insuperabile, ma anche Ken Follett e Robert Ludlum, fino all’arrivo di Scott Turow e del legal-thriller, defluito nell’ammirazione per John Grisham. Infine, la saggistica, arrivata nell’età adulta, con i libri di Enzo Biagi, fino alla recente passione per Beppe Severgnini (basta che non parli di calcio…).
Ultimamente leggo meno su carta e molto di più sul web, ma una libreria è ancora l’unico negozio in cui perdo davvero il controllo: del tempo, e del portafoglio. Avevo anche un bel profilo su Anobii in cui, se è ancora attivo, c’è molto di più sull’argomento.

Nei miei bookmarks: football NFL, news e tutti i social networks a cui sono iscritto (e sono parecchi…)

I miei sport: golf e sci. Giovano a tennis con una certa costanza ma ho smesso, senza sforzo e senza motivo apparente. Se riuscissi anche a correre ogni tanto mi farebbe solo bene.

Il mio lato peggiore: gli sbalzi d’umore, i bad mood del lunedì in ufficio, i rigurgiti di timidezza, gli atteggiamenti scontrosi che mi prendono a volte e che danno di me un’impressione diversa dal vero

Il mio lato migliore: quello che vien fuori quando rido

Farei cambio per un giorno con: Hugh Hefner. Chissà perchè…

L’appuntamento dei sogni: Monica Bellucci

Con chi vorrei andare a cena: Con Barack Obama. Con Jovanotti. Con Alessandro Del Piero.

Sulla scrivania in ufficio: due foto, una mia sul campo da golf con un poster di Tiger sullo sfondo, e una di Michela e Andrea

Sulla parete a casa: il poster dei Blues Brothers. La maglia – autografata – di Del Piero. I ricordi di tutti i viaggi a Wembley a vedere la NFL con gli amici. La mia laurea.

Superstizione: uhm… nessuna

Primo lavoro: “venditore” di mobili porta a porta. È un po’ lungo da spiegare, ma il succo è questo.

Squadra del cuore: Juventus e Miami Dolphins. In realtà ne ho più o meno una in ogni sport, ma queste sono le due sopra le altre. E poi c’è il vuoto lasciato dalla Benetton Basket…

Atleta preferito: Tiger Woods, Alessandro Del Piero, Roger Federer

Il valore che preferisco negli altri: l’onestà

A pranzo: un primo o un secondo e della verdura. Se poi c’è anche un dolce…

Il talento che vorrei avere: più abilità negli sport. E vorrei saper suonare il piano.

Cosa mi piace di più del mio fisico: il non essere grasso. Ma mi si dice che neanche il mio fondoschiena non sia male…

…e di meno: il dover portare gli occhiali; ma mi ci sono abituato talmente che li considero parte del mio look. Certo che in sauna rompono parecchio…

Il mio eroe: i miei genitori

Cose che devo fare nella vita: visitare l’America da costa a costa, correre una maratona, scrivere un libro.

Il mio motto: il bicchiere è mezzo pieno

Rispondi