Alla deriva 1

Poco dopo aver letto questa splendida tristissima definizione data da Mantellini alla nostra amata Italia:

“un paese ormai incamminato verso l’odio di qualsiasi opinione differente”

ecco che mi imbatto in questo post altrettanto bello e disarmante su Wittgenstein. Dev’essere proprio la pioggia…

Per quel che vale, mi sento di sottoscriverne ogni parola.

One comment on “Alla deriva

  1. Reply Giovanni feb 6,2009 14:43

    “Borbottare incazzati è umano e comprensibile, ma non serve a niente e peggiora a sua volta chi lo fa.”

    Quanta verità in questa frase. Girare sui mezzi pubblici della metropoli offre un campionario tendente ad infinito di questa categoria di persone.

    Io mi anestetizzo con la mia musica e il mio giornale, ma a volte non ce la faccio a sopportare la “sciura” che si lamenta perche’ un vigile ha bloccato la strada “per far passare l’auto blu del politico” e poi vedere che sfreccia una macchina con padre alla guida e madre con bambino svenuto dietro; il vigile ha solo aiutato quella macchina a divincolarsi dal traffico, niente politico, niente auto blu.
    In quel momento ho la speranza che la “sciura” vedendo lo sguardo disperato della madre sul sedile posteriore, sentendo la mia seppur pacata reprimenda, pensi a quanto renda brutti questo continuo borbottio sterile e fine a stesso.

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: