Le persone cambiano. E il mondo? 3

Ok, il tema di fondo è la nascita e l’uscita del primo numero di Wired edizione italiana (che non ho ancora comperato ma mi riprometto di farlo, se non altro per curiosità dopo anni di lettura della versione inglese online), ma questo pezzo di Luca Sofri è davvero bello, a partire dal titolo: Cambiare il mondo da qui.

Ne copincollo solo un passaggio, in cui descrive le persone del “nuovo mondo”. In cui, manco a dirlo, mi riconosco un bel po’:

“Persone curiose del mondo e di quello che vi succede, che sono consapevoli della centralità delle tecnologie e delle condizioni urbane nel presente e nel futuro (ma non per questo non si sanno godere il vento nei capelli), che hanno cultura e occasioni per seguire molti interessi e non trascurare tutte le chances e le passioni che la rete e il Duemila offrono. Che hanno interessi ovunque, e su tutti l’attualità internazionale, la tecnologia, la musica, l’America, la cultura pop. Che non sono necessariamente geek, ma sanno che la tecnologia fa girare il mondo: dai suoi server alla sua filosofia. Non hanno tutti la stessa età, ma a occhio hanno più di vent’anni e meno di cinquanta, “ibridi”: si ricordano del mondo di prima abbastanza per capire e godere il mondo di dopo. E per tenerselo stretto, il mondo di prima, quando hanno voglia di una crostata di lamponi o di un ideale: quelli erano ottimi già allora. Hanno come modelli culturali i paesi anglosassoni e le loro modernità, ma non gli bastano più. Non si riconoscono nella programmazione da pensionati della gran parte delle reti generaliste ma nemmeno in quella da tiratardi-nei-centri-commerciali dei palinsesti giovanilisti. Hanno caro il mondo ma non sono ideologici. Viaggiano, hanno imparato a conoscere posti che glielo avessero detto da bambini non ci avrebbero creduto. Sono affezionati ai posti che conoscono, ma non pensano che lavorare all’estero sia un ripiego, una fuga, una sconfitta: è una fortuna. Privilegiano internet come fonte di informazioni, spettacoli, divertimento, cultura. Credono che Wikipedia sia eccezionale, e sanno come usarla. Hanno trovato nel mondo e nella rete quello che i giornali italiani, la tv italiana, la politica italiana, non riescono più a dar loro: ma sono consapevoli di come le nuove tecnologie li hanno cambiati, delle cose che hanno perso. E fanno un sacco di cose, mentre il mondo di prima parla di Miss Italia.”


3 thoughts on “Le persone cambiano. E il mondo?

  1. Reply Giovanni feb 19,2009 14:42

    Abbonato per due anni, offerta troppo vantaggiosa :-)

  2. Reply Mauro feb 19,2009 21:19

    Comperato stasera il numero 1. E comunque, quale sarebbe questa offerta?

  3. Reply Giovanni feb 21,2009 08:39

    20 euro per due anni.

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: